Piante di timo vicino all'arnia

Non esistono domande imbarazzanti, bensì risposte imbarazzanti
Regole del forum
Prima di postare leggere sempre le "Istruzioni per l'uso" e utilizzare il tasto "cerca" in alto a destra di ogni pagina. Grazie per la collaborazione.
Rispondi
Avatar utente
Akoluk
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: 17/06/2020, 15:15
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da Akoluk »

Ciao a tutti,
la mia arnia è situata attorno ad una distesa di timo arbustivo, (Thymus capitatus ) e di diverse piante di inula viscosa, secondo voi e secondo la vostra esperienza, è possibile che influiscano positivamente contrastando la proliferazione della varroa?
Saluti a tutti

Avatar utente
Hellè
Uovo
Uovo
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/04/2020, 16:18
Sesso: Femminile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da Hellè »

Il timolo è un fenolo monoterpenico presente in abbondanti quantità nelle piante del genere Thymus
...in questo senso?

Avatar utente
Akoluk
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: 17/06/2020, 15:15
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da Akoluk »

...si...

dovrei comunque intervenire con prodotti specifici o posso sperare nell'effetto positivo del timo attorno all'arnia?

Avatar utente
BjHorn
Ape ceraiola
Ape ceraiola
Messaggi: 390
Iscritto il: 02/05/2015, 17:09
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby
Località: Cilento

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da BjHorn »

Dovresti avere delle prove concrete sul beneficio che tenere le arnie nei pressi di certa vegetazione può avere.
Fare supposizioni potrebbe essere molto pericoloso.
Riguardo l'inula, per il momento mi pare che siamo ancora alla fase "hadettomiocuggino".
Riguardo il timo, posso pensare che i trattamenti a base di timolo siano estremamente concentrati, e che (forse) non basta che se lo procurino in natura.
Quindi farei dei test e delle verifiche.
"Sbuccerei" un pò di covata a fuco per vedere se contiene varroa, se non ho altri elementi visivi da valutare (come covata sparsa, api con ali deformi e altre patologie).
Se ne trovassi nelle celle, allora propenderei per un trattamento.

Avatar utente
Akoluk
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: 17/06/2020, 15:15
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da Akoluk »

Perfetto. Mille grazie!

Avatar utente
old
Pupa
Pupa
Messaggi: 187
Iscritto il: 13/01/2017, 20:36
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da old »

Le mie poche sono regolarmente spruzzate con acqua profumata con essenza di Lavanda, Limone, Rosmarino e, talora, pure Timo. Al posto del fumo.
In Francia vendono qualcosa di simile per controllare la Varroa.
Sono convinto (illuso?), ma non solo io, di averne meno: non ho ali deformi, stanno bene, neppure controllo la caduta spontanea ma le tratto come e quando e quanto si deve, alla cieca.
Di esperimenti non ne conosco.
La cosa veramente utile è la mitezza e perdita di aggressività.
Consiglio: trattale come se fossero tante senza false illusioni di controlli, un vantaggio ci potrebbe pure essere ma, se si, modesto.

Avatar utente
jpmoinet
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 30
Iscritto il: 02/04/2019, 16:47
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby
Località: Trento

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da jpmoinet »

old ha scritto:
27/07/2020, 22:30
Le mie poche sono regolarmente spruzzate con acqua profumata con essenza di Lavanda, Limone, Rosmarino e, talora, pure Timo. Al posto del fumo.
In Francia vendono qualcosa di simile per controllare la Varroa.
Sono convinto (illuso?), ma non solo io, di averne meno: non ho ali deformi, stanno bene, neppure controllo la caduta spontanea ma le tratto come e quando e quanto si deve, alla cieca.
Di esperimenti non ne conosco.
La cosa veramente utile è la mitezza e perdita di aggressività.
Consiglio: trattale come se fossero tante senza false illusioni di controlli, un vantaggio ci potrebbe pure essere ma, se si, modesto.
Ci pensavo proprio oggi a questo. Dovevo semplicemente levare alcuni telaini da un'arnia e ho pensato di non avere bisogno di usare l'affumicatore. Solo quando ho dato una botta ai due telaini per far cadere le api (poche a dire il vero) si e' creato un po' di scompiglio ma mi piacerebbe provare ad usare acqua con qualche essenza. Quando parli di essenze immagino parli di oli essenziali, giusto? Quante goccie per litro? Hai qualche altra dritta?

Avatar utente
jpmoinet
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 30
Iscritto il: 02/04/2019, 16:47
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby
Località: Trento

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da jpmoinet »

Ho visto su un vecchio post che consigliavi queste dosi:
Uno spruzzino per i fiori da 500 ml, acqua quasi in cima, 10 gocce di essenza di lavanda, 5 di rosmarino 2 o 3 di essenza di limone (buccia).
Se però hai altre dritte :ave:

Avatar utente
old
Pupa
Pupa
Messaggi: 187
Iscritto il: 13/01/2017, 20:36
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da old »

Sono oli essenziali nei boccettini che si trovano facilmente in commercio.
La dose attuale è un po’ aumentata: circa 15 8 5.
Non uccide né api né varroe ma forse, si spera, le disorienta.
La fiducia è tale che, talora, dovendo visitare un paio di arnie alzo un po’ il coprifavi delle altre 6 o 7 e do 4 o 5 spruzzatine.
Una osservazione certa: la mitezza aumenta coi trattamenti ripetuti, do una spruzzatina pure ai guanti ed agli indumenti.

Avatar utente
Hellè
Uovo
Uovo
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/04/2020, 16:18
Sesso: Femminile
Apicoltore per: Hobby

Re: Piante di timo vicino all'arnia

Messaggio da Hellè »

jpmoinet ha scritto:
28/07/2020, 15:21
old ha scritto:
27/07/2020, 22:30
Le mie poche sono regolarmente spruzzate con acqua profumata con essenza di Lavanda, Limone, Rosmarino e, talora, pure Timo. Al posto del fumo.
In Francia vendono qualcosa di simile per controllare la Varroa.
Sono convinto (illuso?), ma non solo io, di averne meno: non ho ali deformi, stanno bene, neppure controllo la caduta spontanea ma le tratto come e quando e quanto si deve, alla cieca.
Di esperimenti non ne conosco.
La cosa veramente utile è la mitezza e perdita di aggressività.
Consiglio: trattale come se fossero tante senza false illusioni di controlli, un vantaggio ci potrebbe pure essere ma, se si, modesto.
Ci pensavo proprio oggi a questo. Dovevo semplicemente levare alcuni telaini da un'arnia e ho pensato di non avere bisogno di usare l'affumicatore. Solo quando ho dato una botta ai due telaini per far cadere le api (poche a dire il vero) si e' creato un po' di scompiglio ma mi piacerebbe provare ad usare acqua con qualche essenza. Quando parli di essenze immagino parli di oli essenziali, giusto? Quante goccie per litro? Hai qualche altra dritta?
Come dicono gli anglosassoni: "just my 2 cents".

1. Phil Chandler (BioBees) dice che non serve il fumo ma che bisogna aggiungere essenze all'acqua (ne basta una lui usa Menta Piperita) per confondere il feromone che le api emettono quando sono in allarme (tipo "pericolo! adunata!").

https://www.youtube.com/watch?v=I2AjKt01PA8

Io ho provato con acqua e olio essenziale di Issopo e mi è parso funzionare. Meglio usare un buon nebulizzatore. Bastano poche gocce di essenza.

2. So che c'è chi aggiunge invece zucchero all'acqua, dicono che le api si distraggono a ripulirsi tra di loro e lasciano perdere te...

https://blogdelleapi.wordpress.com/2010 ... hero-news/

ma io temo i saccheggi. tutto sto dolce spruzzato in giro...


Anche io ragiono un po' come Old, vorrei seguire la filosofia TB che chiede di ridurre al minimo le intrusioni (un po' come la Warrè) e di basarsi molto sullo Storch (libro).

3. Ho scoperto di avere delle piante di Thymus in giardino e sulla base delle sperimentazioni di questo tencico apicoltore uzbeco 'mi chiedevo' proprio ieri se potesse avere senso lasciare mazzi di timo (piuttosto che altro) sopra le barre come deterrente alla varroa...ha un profumo davvero intenso...

https://www.youtube.com/watch?v=hik5J4A5Pus

4. Trovo molto interessante anche il discorso A.O. presente in natura in concentrazioni non trascurabili in alcuni ortaggi (spinaci, rabarbaro...)

https://www.piuvivi.com/alimentazione/o ... alico.html

Alcuni farmer statunitensi per tradizione fanno una sorta di the con foglie di rabarbaro in cui immergono fogli di carta che una volta asciugati appendono tra i favi (come le strisce apivar in autunno).
a local beekeeper who keeps 28 hives without any chemical use at all, resulting in only 10% losses per year. For non-beekeepers, those are very good stats --- even if you use chemicals, 30% to 50% losses are normal in our area.

I asked the beekeeper what he did about varroa mites, and he shared his home remedy --- rhubarb leaves. He told me to make a tea out of rhubarb leaves, then to dip in a sheet of plain paper. After letting the paper dry, you put it in your hive the way you would use mite strips in the fall.


In realtà io penso che per il momento, mi limiterò -per legge- magari ad un Apiguard estivo (non qst'anno perchè ho fatto l'A.O. gocc. 2 sett fa) timolo quindi, e forse a un Apivar strisce autunno/invernale...ma solo perchè voglio disturbarle il meno possibile e evitare di disperdere il calore da loro creato.

Non so ancora...sarebbe meglio usare sostanze diverse a rotazione per evitare lo sviluppo di resistenze farmacologiche.

(La mia priorità al momento è come nutrirle senza disturbarle, l'arnia è piccola la stanno occupando tutta e io non ho quasi + spazio d'azione...ora ho capito perchè le TB sono lunghe anche + di 1m...mer*a!)

Rispondi