Dubbio sul trattamento

Prevenzione, diagnosi e controllo della Varroatosi
Rispondi
Avatar utente
Banzi
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 3
Iscritto il: 31/08/2017, 15:03
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Dubbio sul trattamento

Messaggio da Banzi » 01/09/2017, 14:54

Ciao a tutti
ho solo due arnie perché ho cominciato quest'anno (un po' tardi, a fine maggio). Non volendo indebolire troppo i nuclei, non ho fatto il blocco di covata ma, su consiglio di un apicoltore esperto, ho usato Apivar a inizio agosto. Una delle due famiglie va benissimo, piena di covata e scorte, mentre l'altra è sempre andata un po' più a rilento (sono entrambe su 6-7 telaini). Ho fatto un paio di volte il test dello zucchero a velo e solo una volta ho trovato una sola varroa in un'arnia.. inoltre la caduta durante il trattamento con Apivar è limitata (poche decine di varroe sul cassetto, qualche varroa al giorno). Ciò mi fa pensare che l'infestazione sia bassa.. invece, contemporaneamente al trattamento, la famiglia più debole si è ammalata di virosi da varroa (covata sparsa, larve morte con contenuto liquido.. diagnosticata da un apicoltore esperto), quindi il suo livello di infestazione era altissimo.. Mi chiedo come ciò sia possibile, visto che il test allo zucchero a velo ha dato esito negativo e anche la caduta dopo Apivar è stata scarsa..
Eseguo male il test con lo zucchero a velo?
Apivar non è efficace sulle mie api?
C'è il rischio di problemi anche sulla famiglia sana?
Posso aspettare il blocco invernale per fare l'ossalico o mi conviene fare qualche altro trattamento quando tolgo le strisce di Apivar?
Grazie a chi risponderà
Marco

Avatar utente
old
Pupa
Pupa
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/01/2017, 20:36
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da old » 01/09/2017, 21:24

L’Apivar è sicuramente attivo . Se ci fossero tante varroe si noterebbero pure con la caduta spontanea senza bisogno dello zucchero a velo.
Una famiglia così deve assolutamente essere eliminata. Non recuperare miele o favi, eliminare pure i telaini, nemmeno le api per rinforzare l’altra. Sterilizzare l’arnia.
Farei esaminare la covata in un laboratorio.

Avatar utente
Mr Bee
Pupa
Pupa
Messaggi: 192
Iscritto il: 03/05/2017, 20:09
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da Mr Bee » 02/09/2017, 11:01

Larve morte????Liquide???? fai iltest dello stecchino per sapere che tipo di..."virus" è, per caso l'arnia e i telaini odorano di marcio???? Io non starei così tranquillo!!
Qualsiasi virus sia potrà essere contagioso anche per l'altra arnia, in più io capirei bene cosa sia questo virus....ti informo che da come hai descritto sembra....PESTE! Controlla bene, io cmq eliminerei tutti i favi con il fuoco e sterilizzerei attentamente e due volte l'arnia prima di riutilizzarla! Fallo subito sennò potresti contagiare anche l'altra!

L'unica cosa strana e che il tuo apicoltore non ti abbia detto della peste...mhà, non so che dirti.

Avatar utente
Banzi
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 3
Iscritto il: 31/08/2017, 15:03
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da Banzi » 02/09/2017, 11:12

le larve non filano e non puzzano, niente celle forate o con opercolo infossato e larva morta dentro, niente larve liquefatte maleodoranti.. le larve sono integre ma qua e là qualcuna in posizione anomala.. per questo l'apicoltore ha escluso la peste e ha diagnosticato un collasso della covata a causa di varroa

Avatar utente
Buenobug
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1
Iscritto il: 02/09/2017, 17:42
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da Buenobug » 02/09/2017, 18:03

Ciao! Se trovi larve tipo viscide di colore giallo opaco che scoppiano a liquido se toccati con un bastoncino e che sono depositati sul fondo della celletta e che ovviamente non filiano seta e anche se non sono tutte le larve ma solo alcune sono morte mentre le altre sono opercolate correttamente ma un po qui e un po li, può darsi che si tratta di una famiglia molto debole, non vorrei si trattasse di peste europea, quella non è infettiva per l'arnia adiacente tranne per un eventuale saccheggio, se è quella l'arnia morirà e non subito! Dura per parecchio tempo finché poi rimarrà vuota! Tieni presente che in questo periodo la covata è ai minimi livelli. tienila d'occhio e se vedi che peggiora e rimane con poche api e trovi altre larve morte liquide nella celletta allora è peste europea ed è destinata a morire...

Avatar utente
FabioR
Ape bottinatrice
Ape bottinatrice
Messaggi: 582
Iscritto il: 22/02/2017, 18:04
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby
Località: Verona
Età: 41
Contatta:

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da FabioR » 04/09/2017, 19:35

puoi fare foto?

Avatar utente
old
Pupa
Pupa
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/01/2017, 20:36
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Dubbio sul trattamento

Messaggio da old » 05/09/2017, 21:36

È una famiglia che andava male già da mesi, ora sta precipitando. Inutile rinforzarla a spese di quella sana. Non potrà passare l’inverno, potrà solo infettare l’altra.
Deve essere eliminata, subito.

Rispondi